Drefgold è stato escluso dal festival tenutosi a Rovereto!

 

La notizia per i fan di Drefgold è alquanto imbarazzante, infatti, in molti lo amano proprio per questi suoi comportamenti sopra le righe, basti considerare le foto pubblicate con joint e cannabis ben in vista, elementi che in un certo senso fomentano sempre più ragazzi.

Il punto è che non tutti vedono di buon occhio questi comportamenti, c’è chi spera che si tratti solo di un fenomeno del momento e chi invece ha deciso di chiudergli le porte definitivamente; stiamo parlando degli organizzatori del Festival di Rovereto, i quali pensano che personaggi come il rapper dovrebbero essere esclusi a priori, perchè inneggiano all’uso di cannabis, passando quindi un messaggio sbagliato alle nuove generazioni.

I suoi testi non sono certo poesie, ma sono fin troppo espliciti, non è certo il personaggio giusto per rappresentare la magia del Natale, tenendo conto che al festival parteciperebbero anche svariate associazioni, motivo per cui, anche se il ragazzo ha raggiunto milioni di views su Youtube, sembra non abbia le carte in regola per potervi partecipare.

Di album Drefgold ne ha in mente già alcuni, ma per ora questa notizia proprio non ci voleva, insomma, era stato già scelto per partecipare al festival che si terrà a Piazza Savoia, una meta unica, ma dal momento in cui le voci si sono allargate, in molti non hanno ben gradito, sostenendo che la scelta era del tutto errata, ma fortunatamente il ragazzo l’ha presa bene, quasi con il sorriso.

DREFGOLD RAPPER ITALIANO

Chi c’è dietro questo blocco?

A remare contro sembra ci sia proprio l’amministrazione, che è stata in un certo senso svegliata da una particolare petizione a cui hanno partecipato alcune associazioni del posto; il primo cittadino però ha sostenuto a gran voce che lui è contro ogni tipo di censura, qui si entra in un discorso ben diverso, ci sono di mezzo altri aspetti molto delicati, come l’amministrazione ed il bando in oggetto.

LEGGI ANCHE   Rapper spagnolo condannato a due anni di carcere per aver insultato il Re

Insomma, qui non si parla solo ed esclusivamente di Drefgold, ma dell’intera data del 15 Dicembre, che inizia a non essere più certa come un tempo, l’intero evento potrebbe scricchiolare, il che è grave, il sindaco dovrà controllare ogni singolo evento firmato da Agostino Carollo e solo a quel punto potrà decidere come e per quali vie proseguire, quindi è tutto da vedere.

Una cosa è certa, Drefgold oggi può essere considerato un simbolo di riscatto, tipico dei giovani che vogliono emergere, quindi il promoter del ragazzo tende a difenderlo; in parte può essere paragonato ad Elvis, il quale agli esordi fu criticato perchè considerato trasgressivo e fuori dagli schemi.

Su questa decisione si scaglia anche Giulia Rossetto, ovvero una psicoterapeuta dell’adolescenza, sostiene che così facendo si vanno a negare alcuni tra i diritti sacrosanti, come quello di una sana crescita dei ragazzi che non devono saltare alcuna fase; la negazione non fa altro che allontanarli, perchè si sentono sotto pressione da etichette che non gli appartengono.

A contrastare la petizione per escludere Drefgold ecco spuntare anche una petizione spinta da Dandy Bestia degli Skiantos che odia qualunque tipo di censura, la reputa sbagliata a priori, lui poi è anche un sostenitore della marijuana, quindi gli atteggiamenti del giovane rapper, così come anche le foto pubblicate, non hanno alcun senso.

Drefgold è un rapper che sta crescendo in fretta, cosa ne pensi della vicenda?

 

 

 

Questo articolo è stato verificato alla pagina: https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/politica/18_novembre_08/trento-13-cultura-t1corrierebologna-web-bologna-81652fd8-e32f-11e8-bf55-002743717617.shtml

Commenti

commenti

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.