A Londra la trap sta creando problemi seri, si indaga su alcuni accoltellamenti!

 

Ultimamente soprattutto a Londra e nei quartieri popolari si è diffusa la cosiddetta drill music, un fenomeno che in poco tempo ha richiamato l’attenzione di sempre più persone, tanto da arrivare persino sulle prime pagine dei giornali locali.

Sembra che questo fenomeno sia in un certo senso collegato ad alcuni omicidi  riscontrati ad Aprile, i dati sono pazzeschi, basti pensare che nel mese precedente, secondo i media locali, ci sono stati ben 22 morti da accoltellamento, un numero che sale a 50 se consideriamo un arco di tempo che va praticamente dall’inizio dell’anno.

A farne le spese sono per lo più adolescenti ed in molti ormai sostengono che tali eventi siano collegati alla drill music, che dal suo canto non è un genere musicale come gli altri, al contrario, fa della violenza il suo vero punto di forza, inoltre, come se questo non bastasse, alcune gang si sono unite ed hanno iniziato a combattere a suon di musica, con risse che sono nate inizialmente sui social, per poi continuare anche in strada.

Londra la trap sta creando problemi seri

Di vittime purtroppo ce ne sono fin troppe, ma per capire questa musica dovremmo forse fare un passo indietro; la Drill Music nasce nel 2010, più precisamente nella Southside di Chicago, non è un genere ben preciso, ma un sottogenere dove però se vogliamo parlare di influenze musicale dobbiamo ovviamente far riferimento alla trap di Atlanta.

Analizzando i beat li troviamo molto più lenti, a volte tutto sembra fuori tempo, lo stile lo prevede, forse la particolarità è proprio qui, ma in molti la adorano proprio perchè sembra rispecchiare lo stile di vita che si respira nei quartieri difficili.

Chi si cela dietro uno stile così violento associato erroneamente alla drill music?

Esistono sicuramente alcuni personaggi noti dietro un movimento del genere, tra questi ricordiamo ad esempio Chief Keef, oppure Fredo Santana, in particolar modo il primo si è fatto strada anche grazie ad un remix del brano I don’t Like, graditissima sorpresa per tutti, tanto che è riuscita a piazzarsi in poco tempo nella Billboard Top 10.

Ovviamente per non farsi mancare niente ecco spuntare anche una condanna attribuitagli per spaccio e produzione di eroina, ma anche una per aver minacciato un agente impugnando una pistola carica, insomma, non di certo un personaggio semplice da gestire.

La Drill Music ha sempre rappresentato una sorta di via di fuga, un genere in cui in molti si rifugiavano, poi con il tempo le cose sono cambiate, abbiamo assistito ad una massiccia espansione, tanto che svariati brani sono arrivati anche nelle zone di Londra più popolari e malfamate, il posto giusto in cui esplodere, lì dove l’odio e le guerre tra gang sono all’ordine del giorno.

Le gang non trovano pace, amano provocarsi ed attaccarsi, ecco perché la polizia di Londra ha chiesto esplicitamente a Youtube di eliminare in modo definitivo ben 30 video che appartengono alla drill music, sono stati quindi banditi da subito eventuali scene di accoltellamenti avvenute nel Regno Unito, una decisione importante e condivisibile.

Molto spesso non si ragiona su simili episodi, bisognerebbe invece comprendere se è davvero colpa della musica, se è questa nobile arte ad influenzare la comunità, o se la società prende il sopravvento ed utilizza la musica solo per veicolare odio e rancore.

La musica affascina, molti sostengono che stiamo assistendo ad eventi che si ripetono negli anni, gli stessi che caratterizzano l’arrivo di Tupac, in un certo senso si lotta per far capire agli altri chi è che comanda su di un determinato territorio, ma la drill music non è questo, senza gli accoltellamenti sarebbe un genere prezioso, lo stesso in cui molte persone che vivono di stenti e sacrifici molto spesso si rifugiano e provano ad emergere.

I social oggi non hanno filtri, i contenuti non sono tutti di buona qualità motivo per cui questi potrebbero colpire i giovani, il che si tradurrebbe in un vero fallimento della nostra società moderna, sono tanti i problemi da risolvere, inutile far finta di nulla.

La drill music non è una musica violenta, ma in molti vogliono convincerci di questo!

LEGGI ANCHE   Cannabis Legale? Anche Guè Pequeno lancia il suo brand!

Foto by: Luke Wright

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.