Ed ecco il maestro rapper, che con il brano Booh Bullo vuole spingere a riflettere tutti.

 

Di bullismo se ne parla troppo spesso, stiamo parlando di un fenomeno che dilaga, non riesce proprio ad arrestarsi; i ragazzi non si possono controllare, è praticamente impossibile, sia all’interno della scuola, che al di fuori.

Se poi ci aggiungiamo anche le moderne tecnologie, come ad esempio internet, smartphone di ultima generazione e social network, capirete bene che i risultati sono devastanti; molti atti di bullismo tendono ad ingrandirsi sempre più, creando seri problemi al malcapitato di turno, il quale il più delle volte preferisce non chiedere aiuto sapendo di trovarsi in una posizione troppo delicata.

E’ fondamentale però discutere dei problemi, che sia con i propri insegnanti, ma soprattutto con i genitori, altrimenti si entra in un vortice pazzesco, si cade in depressione, ed a volte ci si spinge anche a gesti che non andrebbero nemmeno pensati.

Tanti ragazzi hanno provato il suicidio, all’apparenza per loro questa è l’unica strada da percorrere, ma nella realtà non è così, bisogna reagire e farsi aiutare dalle uniche persone che dovrebbero offrire tutela, soprattutto all’interno di una scuola.

Oggi il protagonista di una piccola rivoluzione è senza dubbio Renato Frattolillo, un maestro di 37 anni che si fa chiamare Mc Febbo.

Il ragazzo in questione è un grande amante della musica rap, ha provato quindi a sfruttare la sua innata passione per creare un pezzo che aiuti i ragazzi a riflettere; il titolo è Booh Bullo, ed in poco tempo è diventato virale, è stato condiviso tantissimo, ormai lo si trova facilmente in rete e per farsi aiutare si è appoggiato a Vigolini, in arte Vigoh che ne ha curato la melodia.

 

LEGGI ANCHE   Bhad Bhabie: adesso ha un disco d'oro, con la canzone 'Hi Bich'

Mc Febbo insegna alle scuole elementari di Scandolara Ravara (CR) e poi, come già accennato, c’è anche Pierpaolo Vigolini, che a sua volta di anni ne ha 48 e che nella vita è un maestro di musica.

Vigolini è cresciuto ascoltando ed amando la musica di  Bach, così come anche quella di Beethoven, insegna violino e riesce lezione dopo lezione e trasmettere tutto l’amore per la musica, regalando non solo emozioni, ma anche tanto entusiasmo!

Tante visualizzazioni per il brano creato dal maestro, che soddisfazione!

Renato ad oggi è un maestro di sostegno, ma al di là del suo lavoro è un grandissimo amante della musica, il rap è parte integrante della sua vita, così ha provato a trasmettere tutto l’amore possibile anche ai suoi ragazzi diventando una sorpresa stupenda e da sostenere.

Il suo pezzo parla ovviamente di bullismo, un fenomeno che merita tantissima attenzione, ma per cercare di arrivare ancor più alle persone si è provato a far leva sulla semplicità dei ragazzi; ogni singola frase è nata per smuovere le coscienze di tutti quei ragazzini che giocano a fare i bulli, a fare i prepotenti, pensando di essere forti in ogni occasione.

E’ stato creato anche un video la cui storia è reale, una situazione che potrebbe accadere in qualunque classe, ma che ancora una volta dovrebbe far riflettere.

Il brano è riuscito a collezionare più di 4000 visualizzazioni in poche ore, ma tantissime sono state le condivisioni, inoltre un grande applauso va chiaramente anche ai bambini che sono riusciti a realizzare un video magnifico, toccante sotto certi aspetti, il cui obiettivo finale è senza dubbio quello di combattere il bullismo.

Booh Bullo è il risultato di idee concrete, dove nonostante i soldi erano relativamente pochi, si è comunque riuscito a creare un prodotto perfetto; adesso si punta con decisione a far girare il video per le scuole, così da permettere a sempre più persone di comprendere, avviando magari anche una campagna di sensibilizzazione.

E’ giusto sognare alla grande, lo fanno i ragazzi, possono farlo ora anche gli adulti!

LEGGI ANCHE   Capire i propri bambini scoprendo i segreti del Rap e del genere Indie!

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.