Responsabile programmazione hip-hop da Apple Music a Spotify il passo a volte può essere davvero breve!

 

Le notizie passano in fretta, così come a volte a cambiare sponda è davvero un attimo, questo è sicuramente il caso di Carl Chery, che fino a poco tempo fa ricopriva un ruolo molto importante all’interno di Apple Music.

Aria di cambiamenti però, infatti egli è passato dall’essere capo della programmazione hip – hop e R&B di casa Apple, per abbracciare un nuovissimo incarico per Spotify; molto spesso tutto dipende da strani intrecci e circostanze che riescono a portare cambiamenti, basti pensare che attualmente Chery dovrebbe occuparsi di RapCaviar.

Andrà quindi a sostituire Tuma Basa, che fino a poco tempo fa ne era un chiaro punto di riferimento, ma che a sua volta ha deciso di cambiare casa approdando a YouTube; oggi Carl Chery ha una grandissima opportunità di mettersi in mostra e crescere divenendo quindi a tutti gli effetti il principale curatore di una playlist seguita in tutta il mondo come RapCaviar.

Indubbiamente il suo lavoro con la Apple Music è stato molto apprezzato, egli è riuscito a portare novità che hanno trovato riscontro positivo da tantissimi utilizzatori, ma grazie al suo impegno e tantissimo amore per questo lavoro, oltre che per la musica, ha ottenuto persino un’esclusiva come Coloring Book, un mixtape di successo del rapper Chance the  Rapper.

Il vero punto di forza per Carl Chery è sicuramente nei rapporti, bisogna ammettere che ha sempre avuto quella marcia in più nel curarli, nell’elevare l’importanza di ogni singolo artista trovato sul suo cammino e tra questi ovviamente facciamo riferimento a Cardi B, oppure a Post Malone, senza dimenticare ovviamente Daniel Caesar, H.E.R. e 6LACK.

 

LEGGI ANCHE   Il sindaco rapper per un giorno

La scelta di Carl Chery può essere davvero quella giusta?

Ogni scelta comporta pur sempre qualche rinuncia, analizzando quindi i trascorsi di Carl Chery, è impossibile dire che lui non abbia realmente regalato qualcosa di concreto alla Apple Music, una realtà che proprio dal suo arrivo era in costante crescita.

Chery è arrivato nel 2014, fu un salto di qualità, arrivato anche a seguito dell’acquisizione di Beats By Dr / Beats Music, ma già in quel periodo lui poteva vantare tanta esperienza in questo settore, bisogna anche considerare che era conosciuto come affermato giornalista, avendo lavorato a stretto contatto con riviste importanti, tra le quali citiamo XXL, BET e SOHH.com!

Tanta carne al fuoco quindi, piccoli traguardi che gli hanno permesso di essere notato e di ricoprire un ruolo importante; con il passare degli anni, ed anche grazie al suo impegno, tante cose sono cambiate, le migliorie si sono concretizzate, ed è stato possibile notare anche un forte incremento di utenti interessati a playlist particolari.

Con il suo trasferimento a Spotify bisognava trovare un degno sostituto, ovviamente non è stato semplice, ma alla fine si è giunti ad una scelta ricaduta su Oliver Schusser, il quale ad oggi ricopre un ruolo di primissima importanza essendo responsabile Apple Music & International Content.

Spotify è stata sicuramente una scelta coraggiosa, ma anche interessante per Chery, bisogna infatti considerare che questa bellissima realtà può già vantare più di 70 milioni di abbonamenti premium, una crescita pazzesca, ed un grandissimo interesse di persone presenti in ogni parte del mondo.

Spotify o Apple Music non importa, quel che contano sono le idee e Carl Chery lo sa!

LEGGI ANCHE   Maestro si trasforma in rapper per asilo sotto sfratto per il chiasso: "Benvenuti a Milagno"

CREDIT: BRYAN ALLEN LAMB

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.