21 Savage arrestato per un visto scaduto!

 

21 Savage è stato accusato di essere un immigrato irregolare, questa è la novità, un evento arrivato poco dopo l’annuncio lanciato da 21 Savage e Jay Z riguardo la nascita della cosiddetta Reforme Alliance, vale a dire una fondazione ben nota che vorrebbe spingere ad una riforma carceraria in America.

Questo è senza dubbio un argomento scottante, a confermarlo è stato anche Barack Obama che poco prima che scadesse il suo mandato aveva deciso di incontrare alcuni esponenti del mondo rap, vale a dire J Cole, Chance The Rapper e Nicki Minaj, ma non solo!

Ma ritornando all’argomento principale, sembra proprio che 21 Savage arrestato sia una novità che ha fatto impazzire tutti, un’azione gestita dall’ICE, ovvero Immigration and Customs Enforcement, che chiaramente si occupa di immigrazione e difende le frontiere americane.

L’arresto di She’yaa Bin Abraham – Joseph, il vero nome di 21 Savage ha rappresentato un tassello di un’operazione ben più ampia, dove tra gli obiettivi figurava anche suo cugino Young Nudy; le accuse sono ben note, infatti, sembrerebbe che il rapper non sia nato effettivamente ad Atlanta, ma in Inghilterra ed è entrato negli USA con un permesso ormai scaduto.

L’arrivo negli USA è quindi del tutto legale, ma ad essere illegale è il restarci con un permesso scaduto e per circa 20 anni, il tutto avendo tra le mani un semplice visto H-4, che viene solitamente assegnato ai famigliari, per tutti coloro che entrano negli USA solo per un breve periodo.

21 Savage poteva tranquillamente rinnovarlo, ma a quanto pare sembra che se ne sia accorto solo nel 2017; il tempo è volato ed ora il giovane rapper ha anche dei figli che sono nati negli USA, ma sorgono alcuni dubbi anche sul suo arresto, in molti ci si chiedono perchè proprio ora?

LEGGI ANCHE   Tunisi, Cité de la Culture: anche Ghali per inaugurazione

Quanto mistero attorno all’arresto di 21 Savage!

Ripercorrendo a ritroso alcuni passaggi dobbiamo ricordare che 21 Savage in precedenza aveva partecipato al Super Bowl Music Fest, che come in molti ben sapranno è strettamente collegato alla NFL, ma era stato ospite anche alla diretta nazionale con Jimmy Fallon.

Proprio in quel frangente si era esibito con il brano A Lot appartenente al suo ultimo album; in molti sostengono che questo arresto sia riconducibile ad eventi passati, una sorta di vendetta per alcuni testi hip hop, quasi a voler in un certo senso accusare determinati artisti.

I giornalisti poi si buttano sulla politica e così non mancano affatto i riferimenti a Donald Trump; con lui i rimpatri degli africani sono aumentati del 140%, lo riporta anche The Atlantic, che per certi versi paragona un’azione del genere ad una deportazione di massa, alla quale si aggiungono anche le condizioni pessime riscontrate all’interno dei centri di detenzione.

Uno di quelli più temuti è senza dubbio l’Irwin Country, proprio al suo interno gli abusi non mancano mai e poi c’è quasi una totale mancanza di cure mediche; per ora 21 Savage è stato rilasciato, la cauzione è stata pagata e si attendono disposizioni sul processo che dovrà affrontare.

Dopo alcuni giorni dall’arresto, ecco Donald Trump in un bel discorso sullo Stato dell’Unione, il momento giusto per ringraziare ed appoggiare in pubblico l’ICE, in un certo senso ha definito ogni singolo agente un eroe, un vero orgoglio per tutto il paese.

Un bel legame quindi tra l’agenzia e Trump, impossibile far finta di nulla se consideriamo che la sua vittoria è stata anche per merito di impiegati e rappresentati dell’ICE, un elemento chiave che spinge ancor più il Presidente a proteggere i confini americani, senza alcuna distinzione tra ricchi e poveri, famosi e persone poco conosciute.

LEGGI ANCHE   Una canzone che sa di denuncia lanciata dal carcere, i rapper sono ora in isolamento!

Max Cea, però, su GQ si schiera contro il Presidente, sostiene infatti che se quest’azione nei contfronti di 21 Savage è nata per inviare un messaggio ben preciso, allora forse il tutto gli si potrebbe ritorcere contro, ed a rinforzare il tutto c’è anche Jay Z che attraverso una condivisione sui social ha definito l’arresto una falsa, anche piuttosto grave.

Non dimentichiamoci nemmeno della notte dei Grammy, in quell’occasione 21 Savage era stato condidato a ben 2 categorie differenti, ma tra i presenti, nessuno ha proferito parola sul suo caso, nemmenoPost Malone, con il quale ha collaborato strettamente in Rockstar.

Cosa succederà a 21 Savage?

 

Photo Credit: Instagram

 

Commenti

commenti

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.